Fonte: TUTTOSCUOLA, 9 luglio 2020

Concludiamo la pubblicazione su tuttoscuola.com del documento “Trasformazione digitale nella scuola” di Giovanni Campagnoli ed Emanuela Negri. Di seguito una nuova parte.

Leggi la prima parte del documento
Leggi la seconda parte del documento
Leggi la terza parte del documento
Leggi la quarta parte del documento
Leggi la quinta parte del documento
Leggi la sesta parte del documento

Le tecnologie non hanno più le “istruzioni per l’uso”, o meglio non c’è solo un modo per ottenere un risultato, ma più percorsi, che vengono selezionati sulla base delle proprie “mappe mentali” (un esempio è chiedere alle persone come inseriscono un nuovo contatto nella rubrica o come condividono un numero di telefono…). Questo è un grande insegnamento: vi è la possibilità di non valutare  più la “conformità” ad un’unica procedura (magari selezionata da una persona sola), ma la capacità di produrre risultati. Con questo approccio, l’apprendimento può partire anche dalla scoperta, dalla necessità di conoscenza per svolgere un compito che richiede una produzione vera e propria e questa diventa un “fatto pubblico” in quanto viene restituito e reso visibile alla comunità scolastica e territoriale. Un esempio può essere il partire da un fatto oggettivo di questo periodo (le scuole vuote) e chiedere a ragazze/i di trovare strategie per riempirle. Un esempio è questo video rendering dove i ragazzi della Media del don Bosco di Borgomanero (No) sono stati i curatori di una mostra su Magritte e Avanguardie, andando a riempire i vuoti delle aule con creatività, competenze, arte e passione, v. https://youtu.be/5XT5GhZoMlc (v. Tab. 4).

Tab. 4. Compito di realtà: Riempire il vuoto della scuola
Il progetto è nato con il lockdown, la necessità di coinvolgere gli studenti nell’apprendimento rendendoli parte attiva genera un percorso estremamente interessante e innovativo: le classi lavorano sull’argomento selezionato in una sorta di flippedclassroom a distanza che permette di introdurre la proposta. Successivamente si lavora sulle abilità descrittive chiedendo agli studenti di realizzare le audioguide di un’ipotetica mostra realizzando contenuti digitali. Le competenze vengono mobilitate inconsapevolmente: si chiede agli studenti di modulare la propria voce e di correggere la pronuncia e riascoltandosi iniziano lavorare sulle competenze comunicative. Contemporaneamente si chiede di pensare a percorsi tematici: il docente prosegue le lezioni teoriche ma la sintesi viene richiesta ai ragazzi che devono trovare dei legami di senso in un percorso, come se fossero curatori di una esposizione museale. Il lavoro si sarebbe concluso con una valutazione degli elaborati prodotti ed una prova di valutazione rispetto alla rielaborazione dei contenuti (già complesso nella didattica a distanza). La vera competenza è la produzione di un prodotto finale che metta in gioco creatività, ingegno e cooperazione: gli studenti a cui viene richiesto “come valorizzare il percorso svolto” rispondono in modo straordinario andando a costruire un “Museo virtuale” con sale tematiche proprio negli spazi oggi vuoti della scuola. Non si tratta di un docente illuminato che guida gli alunni-ammaestrati verso l’apprendimento ma di una scuola che fornisce a dei ragazzi di terza media la libertà di espressione che, ancora una volta stupisce gli adulti. La barriera della distanza non ha frenato la progettazione e la cooperazione tra studenti e tra docenti: condivisione, dialogo e cooperazione si innescano rapidamente per la costruzione di un percorso straordinario che, nella sua fase finale diventa anche bilingue, coinvolgendo i docenti di Lingua Straniera che considerano il progetto come una opportunità per correggere la pronuncia e lavorare sulla traduzione.

In conclusione, la didattica è finalizzata ad innalzare i livelli di apprendimento e all’inclusione; la Scuola sviluppa socialità, i docenti qualità e relazioni di apprendimento, gli studenti sono protagonisti dell’apprendimento, genitori e comunità sono co-autori/ co-attori dei percorsi scolastici…

Fonte, Tuttoscuola – CONTINUA A LEGGERE