Articoli

Fonte: Avvenire, di Viviana Daloiso, venerdì 1 marzo 2019

L’allarme di Save the children sul linguaggio dell’odio. Il 90% degli studenti testimone degli attacchi in classe. Solo uno su 20 chiede aiuto agli insegnanti

Etichette: «Sei di colore», «sei islamica», «sei povero », «sei gay». Appiccicate e poi trasformate in violenza, stigma, emarginazione. Succede a 3 minori su 5 in Italia, soprattutto a scuola, dove il 90% degli studenti delle superiori è stato testimone diretto di comportamenti discriminatori nei confronti di amici e compagni.

Continua a leggere

Il presidente della Fondazione Mamre ha parlato della recente iniziativa a sostengo dei profughi in Bosnia

Dopo la lezione del dottor Giambattista Thsiombo sulla speranza, gli studenti del triennio dei Licei del Don Bosco hanno avuto l’occasione di assistere a una nuova importante “lezione di vita”. Mario Metti, Continua a leggere

Fonte: Avvenire, di Franco Cardini sabato 18 agosto 2018

Mezzo secolo fa i carri armati sovietici invasero la Cecoslovacchia ponendo fine alla rivoluzione tentata da Dubcek. Aveva cercato di rompere lo schema repressivo stalinista, ma Mosca lo smentì

La storia europea, specie poi quella del Seicento, continua a essere una Cenerentola nelle scuole italiane (e stendiamo un velo sulla società civile, che ormai di storia non sa più nulla). Peccato: Continua a leggere

Fonte: Orizzonte Scuole, di redazione

Per il docente che si trova a scegliere se accettare l’immissione in ruolo nella scuola statale o rimanere nel sistema paritario di eccellenza si tratta di una scelta radicale, dalla quale non si può più tornare indietro.

Non accettare l’immissione in ruolo significa essere depennato per sempre dal sistema di insegnamento statale, rimanendo esclusivamente nel sistema delle paritarie. Continua a leggere

Fonte: Avvenire, di Maurizio Patriciello, sabato 18 agosto 2018

Il dolore, l’angoscia, la rabbia, lo smarrimento di questi giorni hanno scavato in noi un abisso che non si lascia colmare facilmente. Davanti a questo baratro, le parole di consolazione, di amicizia, di solidarietà, le sole che sanno dire gli uomini, sono, purtroppo, piccole, insufficienti. Ci vuole altro, abbiamo bisogno di altro.

Abbiamo bisogno di Dio, della sua Parola, la sola che sa penetrare nella dura roccia del dolore e consolarlo. Cessi oggi ogni parola per far spazio alla Parola. Lasciamola penetrare in noi Continua a leggere

Fonte Donboscoland MGS Triveneto, di don Angel Fernandez Artime

del 27 luglio 2018

Il dono, che mi fu consegnato al termine dell’Eucaristia a Damasco, era una bella “stola” su cui avevano ricamato, in arabo, “Non dimenticarti di pregare per noi”…

«NON TI DIMENTICARE DI NOI» … mi hanno detto in Siria. Da un’esperienza indimenticabile nasce un messaggio d’amore e riconoscenza che vola a Damasco e ad Aleppo. Continua a leggere

Fonte: Aleteia, Lucandrea Massaro, 24 luglio 2018

Nel bel mezzo di una (presunta) crisi migratoria, mentre nel frattempo Trump dichiara che l’Europa è nemica degli Stati Uniti, mentre in Nicaragua la Chiesa viene perseguitata (e non solo lì naturalmente) l’onorevole Barbara Saltamartini (Lega) ha depositato una proposta di legge sul crocifisso nei luoghi pubblici:

per rendere obbligatoria l’esposizione della croce nei luoghi pubblici: scuole, università, accademie, carceri, uffici pubblici tutti, consolati, ambasciate. E nei porti, naturalmente: ancorché chiusi, per volontà del ministro dell’Interno, ai disperati raccolti in mare, dovrebbero tuttavia, per volontà del suo partito, esporre la croce «in luogo elevato e ben visibile» (L’Espresso) Continua a leggere

Don Alessandro, catechista del Don Bosco, e l’ex allieva Anna Barattini testimoniano ai giovani la loro esperienza in Ghana.

Venerdì 13 ottobre all’oratorio di san Bartolomeo e venerdì 20 al Don Bosco.

Venerdì sera alle ore 21, all’oratorio di san Bartolomeo, in occasione della serata “Servizio, carità, missione” che inaugura l’anno di pastorale giovanile, saranno presentate tre esperienze estive. Continua a leggere

In mezzo all’oscurità e la perversione, si scorgono gesti di vita nuova e di umanità, promotrice di speranza che ci spingono a guardare nella giusta prospettiva è che certamente non viene data da semplici criteri umani…

22 maggio 2017: sono le ore 22.35 ora locale. Il concerto della pop star americana Ariana Grande all’Arena di Continua a leggere

Proviamo a raccontare la situazione in Siria: ciò che sta facendo la Russia per cacciare i terroristi, incassando anche un bel po’ di accuse dagli USA ma per fortuna senza reagire, però dando un avviso.

LA RUSSIA E L’AMERICA

Vladimir Putin ha dichiarato che è abbastanza “indecente” dire che è colpa della Russia di quello che sta succedendo nel mondo, accusando in questo modo la coalizione guidata dagli Stati Uniti di aver violato l’accordo di cessare il fuoco a settembre: “Obama, durante l’incontro del G20 in Cina, ha detto che gli USA si sarebbero impegnati nel separare i terroristi dall’opposizione moderata, ma essi hanno fatto saltare la tregua», riporta la Tass. Continua a leggere