Articoli

di don Giuliano Palizzi

L’ANS (agenzia info salesiana) scrive: «Una morte tragica ha colpito la Congregazione Salesiana in Africa. L’amato confratello don Antonio César Fernández, dell’Ispettoria AFO (Africa Occidentale Francofona), è stato colpito a morte in un agguato teso da assassini jihadisti, dopo le 15:00 di ieri, venerdì 15 febbraio 2019.

Il tragico episodio si è verificato a 40 chilometri dal confine meridionale del Burkina Faso. Don Fernández stava tornando nella sua comunità di Ouagadougou (Burkina Faso) insieme ad altri due salesiani sopravvissuti all’assalto, dopo aver partecipato a Lomé (Togo) alla prima sessione del Capitolo ispettoriale di quella Provincia. L’auto dei tre confratelli è stata fermata dopo la dogana di Cincassé. Don César è stato separato dagli altri due confratelli e crivellato di colpi dai terroristi che poi sono fuggiti. Si parla anche dell’uccisione di quattro doganieri.

Continua a leggere

di Lucrezia Freschini

Il duca e la duchessa del Sussex Harry Windsor e Meghan Markle a un anno dal loro matrimonio hanno avuto il loro primo figlio: Archie Harrison Mountbatten-Windsor.

Il nuovo membro della famiglia reale è nato il 6 maggio 2019 ed è settimo in linea di successione al trono nonché primo principe inglese anglo-americano.

Continua a leggere

Domenica 26 maggio in tutta Italia si sono tenute le elezioni europee. Ma come cambierà l’Europa?

Partiamo dall’Italia: il partito di Matteo Salvini, la Lega, ha ottenuto il 34% dei consensi, diventando così il primo partito italiano; segue il PD, che ottenendo il 22% dei voti sorpassa il Movimento 5 Stelle, sceso al 17%. Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno ottenuto rispettivamente l’8,7% e il 6,45%.

Continua a leggere

Fonte: Avvenire, di Francesco Ognibene, lunedì 18 marzo 2019

Appunti raccolti marciando con i ragazzi, venerdì 15 a Milano, come in centinaia di piazze in Italia e nel mondo. In testa i percorsi dei giovani e le loro domande, negli occhi uno fenomeno nuovo.

Continua a leggere

Fonte: Avvenire, di Viviana Daloiso, venerdì 1 marzo 2019

L’allarme di Save the children sul linguaggio dell’odio. Il 90% degli studenti testimone degli attacchi in classe. Solo uno su 20 chiede aiuto agli insegnanti

Etichette: «Sei di colore», «sei islamica», «sei povero », «sei gay». Appiccicate e poi trasformate in violenza, stigma, emarginazione. Succede a 3 minori su 5 in Italia, soprattutto a scuola, dove il 90% degli studenti delle superiori è stato testimone diretto di comportamenti discriminatori nei confronti di amici e compagni.

Continua a leggere

Il presidente della Fondazione Mamre ha parlato della recente iniziativa a sostengo dei profughi in Bosnia

Dopo la lezione del dottor Giambattista Thsiombo sulla speranza, gli studenti del triennio dei Licei del Don Bosco hanno avuto l’occasione di assistere a una nuova importante “lezione di vita”. Mario Metti, Continua a leggere

Fonte: Avvenire, di Franco Cardini sabato 18 agosto 2018

Mezzo secolo fa i carri armati sovietici invasero la Cecoslovacchia ponendo fine alla rivoluzione tentata da Dubcek. Aveva cercato di rompere lo schema repressivo stalinista, ma Mosca lo smentì

La storia europea, specie poi quella del Seicento, continua a essere una Cenerentola nelle scuole italiane (e stendiamo un velo sulla società civile, che ormai di storia non sa più nulla). Peccato: Continua a leggere

Fonte: Orizzonte Scuole, di redazione

Per il docente che si trova a scegliere se accettare l’immissione in ruolo nella scuola statale o rimanere nel sistema paritario di eccellenza si tratta di una scelta radicale, dalla quale non si può più tornare indietro.

Non accettare l’immissione in ruolo significa essere depennato per sempre dal sistema di insegnamento statale, rimanendo esclusivamente nel sistema delle paritarie. Continua a leggere

Fonte: Avvenire, di Maurizio Patriciello, sabato 18 agosto 2018

Il dolore, l’angoscia, la rabbia, lo smarrimento di questi giorni hanno scavato in noi un abisso che non si lascia colmare facilmente. Davanti a questo baratro, le parole di consolazione, di amicizia, di solidarietà, le sole che sanno dire gli uomini, sono, purtroppo, piccole, insufficienti. Ci vuole altro, abbiamo bisogno di altro.

Abbiamo bisogno di Dio, della sua Parola, la sola che sa penetrare nella dura roccia del dolore e consolarlo. Cessi oggi ogni parola per far spazio alla Parola. Lasciamola penetrare in noi Continua a leggere

Fonte Donboscoland MGS Triveneto, di don Angel Fernandez Artime

del 27 luglio 2018

Il dono, che mi fu consegnato al termine dell’Eucaristia a Damasco, era una bella “stola” su cui avevano ricamato, in arabo, “Non dimenticarti di pregare per noi”…

«NON TI DIMENTICARE DI NOI» … mi hanno detto in Siria. Da un’esperienza indimenticabile nasce un messaggio d’amore e riconoscenza che vola a Damasco e ad Aleppo. Continua a leggere