Il mese di maggio è il mese della Madonna. Da sempre nella chiesa. In tutte le parrocchie e le varie associazioni si moltiplicano le iniziative per tener desta questa devozione nella vita dei fedeli. Quest’anno non vogliamo perdere l’occasione di riflettere e pregare insieme anche se a distanza.

Ed ecco allora questa iniziativa di pubblicare ogni giorno un articolo del grande Mons. Tonino Bello che, con la sua penna ricca di immagini e carica di cuore, ci tratteggia sfaccettature di questa grande donna, Madre di Dio e Madre nostra. Viviamo questo mese in compagnia di don Bosco. Lui ci ha insegnato ad amare la Madonna, a fidarci di lei, a sentirla sempre come nostra Ausiliatrice, come la Madonna dei tempi difficili. Diceva in una buona notte ai suoi ragazzi:

Oh, se potessi un poco mettere in voi  “questo grande amore a Maria e a Gesù Sacramentato, quanto sarei fortunato! Vedete, dirò uno sproposito, ma non importa niente. Sarei disposto, per ottenere questo, a strisciare con la lingua per terra da qui fino a Superga. La lingua andrebbe a pezzi, ma non importa niente; io allora avrei tanti giovani santi.”.