Fonte: Avvenire, di Mimmo Muolo, mercoledì 10 aprile 2019

Due uomini, uno più giovane e l’altro più attempato, corrono verso una tomba, dopo aver ricevuto una notizia sconvolgente. Il primo, Giovanni, proprio a motivo della sua età è più veloce, ma quando arriva davanti al sepolcro vuoto si ferma e, prima di entrare (e credere definitivamente), aspetta Pietro che lo raggiunge subito dopo.

Non viene immediatamente da pensare al racconto della Risurrezione, contenuto nel Vangelo di Giovanni, leggendo le ultime righe dell’esortazione postsinodale sui giovani Christus vivit? «Cari giovani – scrive il Papa –, sarò felice nel vedervi correre più velocemente di chi è lento e timoroso. Correte attratti da quel Volto tanto amato, che adoriamo nella santa Eucaristia e riconosciamo nella carne del fratello sofferente. Lo Spirito Santo vi spinga in questa corsa in avanti. La Chiesa ha bisogno del vostro slancio, delle vostre intuizioni, della vostra fede. Ne abbiamo bisogno. E quando arriverete dove noi non siamo ancora giunti, abbiate la pazienza di aspettarci». In effetti, i biblisti hanno sempre visto nella pagina giovannea il riflesso del rapporto tra carisma e istituzione, tra slancio missionario della carità e compito di Pietro che conferma nella fede. Perciò, che ora papa Francesco rilegga il tutto, assegnando addirittura ai giovani il ruolo di Giovanni non può che essere fonte di gioia e aprire nuovi orizzonti alla Chiesa in uscita. E dunque, se il punto di arrivo del Sinodo è questo, esso si manifesta al tempo stesso come un punto di partenza nella partita dell’evangelizzazione che vede i giovani non più riserve in panchina o semplici elementi del vivaio, ma titolari in campo insieme con gli adulti.

Per rilanciare, quindi, la suggestione offerta dal documento occorre chiedersi: 
quali sono i campi in cui i giovani possono correre «più velocemente» della stessa Chiesa, talvolta «lenta e timorosa»? E dove è bene, invece, che si fermino ad aspettare? Nei capitoli dell’Esortazione è lo stesso Francesco ad offrirci numerose indicazioni, a partire dal mondo digitale, ambiente giovanile per definizione, che…

Fonte, Avvenire, di Mimmo Muolo – CONTINUA A LEGGERE