FONTE: Alessandro Rosina – Avvenire, 11 aprile 2018

40,7% dei giovani con aspirazioni di lavoro teme di non realizzarle. Mentre il 73,8% di govani sono convinti che ci si possa impegnare per migliorare il Paese

Il cammino di preparazione del Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani è diventato l’occasione per la realizzazione di una delle esperienze, in assoluto, più ampie e interessanti di ascolto delle nuove generazioni di tutto il pianeta. Molti e diversificati sono stati gli strumenti predisposti a questo fine. Si è partiti con il questionario destinato alle Conferenze episcopali e ad altri organismi ecclesiali, attraverso il quale si sono chiesti dati su caratteristiche e condizioni dei giovani, assieme a informazioni su come le varie diocesi e realtà ecclesiali di tutto il mondo interpretano concretamente la sfida del mettersi in relazione con le nuove generazioni. Come novità specifica di questo Sinodo si è inoltre aggiunta la volontà di rivolgersi direttamente ai giovani stessi. Un secondo strumento messo in campo è stato allora un questionario online, proposto in varie lingue, che ha consentito di raggiungere un’ampia numerosità di giovani di tutto il mondo.

L’ascolto attivo richiede però anche incontro e confronto diretto. Una risposta in questa direzione è arrivata dal Seminario internazionale sulla situazione giovanile tenuto a Roma a settembre dell’anno scorso, pensato come occasione di condivisione conoscitiva e di discussione tra esperti di varie discipline e giovani provenienti da tutti i continenti. Il punto più avanzato del processo di ascolto attivo e partecipato è stato, infine, la recente riunione pre-sinodale a cui hanno preso parte 300 giovani di tutto il mondo (e 15mila attraverso i social). Per una settimana i partecipanti si sono confrontati elaborando riflessioni confluite in un documento che ben esprime (con dubbi, incertezze, desideri e speranze) pensieri ed esperienze dei giovani del XXI secolo. Questo materiale – consegnato direttamente nelle mani di papa Francesco – costituirà, come ha affermato il cardinale Baldisseri, una delle principali fonti per la stesura dell’Instrumentum laboris del Sinodo…

FONTE: Alessandro Rosina – Avvenire – CONTINUA A LEGGERE