Centinaia di persone martedì scorso hanno preso parte alla serata di degustazione enogastronomica.

Il VillaggioVino è organizzato dall’associazione culturale APCentro per valorizzare i migliori vini e prodotti gastronomici del territorio e non solo. Più di cento produttori di vino, salumi, formaggi e riso provenienti da tutto il Piemonte si riuniscono per offrire ai visitatori la possibilità di degustare studiati abbinamenti di cibi e vini e di conoscere direttamente dei produttori la filosofia che ispira le loro scelte.

Giunto alla terza edizione, martedì scorso è stato ospitato, per la prima volta, dal Don Bosco, dove esiste non a caso uno dei due “Licei del Gusto” italiani (l’altro è a Como), all’interno del percorso del Liceo Economico Sociale. E quando i numerosi visitatori sono arrivati per degustare i prodotti hanno trovato proprio gli studenti del Liceo del Gusto, coordinati dal professor Fabio Perna (che è anche chef all’agriturismo “La Cappuccina” di Cureggio), ad offrire uno yogurt da loro stessi prodotto.

L’evento è stata dunque l’occasione di mettere alla prova i giovani studenti del Liceo del Gusto, che hanno lavorato a fianco degli operatori per la preparazione dei piatti, e di porli positivamente a contatto con le eccellenze enogastronomico del nostro territorio. Senza dimenticare, come spiega Marianna Servidio, coordinatrice amministrativa del Don Bosco e promotrice dell’evento, «un riferimento anche alla classicità, con la proposta di molti “vini diVERSI”», in perfetta coerenza con l’altro corso di studi al Don Bosco, il Liceo Classico.

A gestire la serata, oltre agli studenti del Don Bosco, c’erano anche gli allievi dell’Istituto Alberghiero di Gattinara e dell’Istituto Tecnico di Borgomanero.

«Il più grande orgoglio di noi organizzatori – spiega Giampiero Renolfi, organizzatore del VillaggioVino – è coinvolgere sempre di più il mondo della cultura, le associazioni più vicine al tema e i giovani studenti pronti a sperimentare sul campo della realtà le teorie studiate sui libri».