La ricreazione del Don Bosco è sviluppata in un modo diverso dalle altre scuole: ecco come si svolge e anche una mia opinione da “primino” su di essa.

Dopo sei ore di lezione, con un intervallo tra le 10.30 e 10.45, alle 13.10 suona finalmente la campanella della ricreazione!

Dopo essere scesi, i ragazzi hanno la libertà di decidere se andare a mangiare oppure a giocare: infatti la nostra scuola, nella grande veranda del piano terra, dispone di ben tre campi da calcio, due da basket, cinque tavoli da ping-pong, tre calcetti e tre tam-tam, un gioco che a entrambe le sue estremità presenta due “palette” per lanciare la pallina facendola passare nella “porta”, che è una riga nel fondo del tam-tam: quello che riuscirà a mandare la pallina nella “porta” dell’avversario riceverà un punto, chi alla fine totalizzerà  più punti, vincerà.

Inoltre durante l’intervallo ci sono due educatori, Chiara e Roberto, che fanno divertire i ragazzi giocando assieme a loro

Dopo circa mezz’ora o quaranta minuti don Mario, uno dei tanti “Don” della nostra scuola e anche prof. di religione in alcune classi,  fischia e a questo punto chi ancora non ha pranzato deve andare.

Al Don Bosco si possono anche comprare le racchette da ping-pong a soli tre euro e le palline a 20 centesimi, quindi anche chi non avesse qualche strumento per giocare a ping-pong durante l’intervallo in questa scuola  può comprarlo a un prezzo molto economico.

Inoltre durante l’intervallo delle 13:10  questa scuola ha inventato un torneo molto divertente: la Don Bosco’s Cup, a cui partecipano tutte le classi: ci sia sfida in vari sport e la classe che, a giugno, sarà prima in classifica, vincerà la mitica coppa della scuola.

Alle 14:15 finisce la ricreazione, solo il lunedì e il giovedì le classi hanno i rientri, negli altri giorni invece la scuola mette a disposizione dei ragazzi divertenti laboratori extrascolastici, oppure per chi non volesse partecipare, la scuola dà agli studenti anche la possibilità di fermarsi qui a studiare seguiti da alcuni insegnanti.

Secondo me, la ricreazione del Don Bosco è molto divertente, i ragazzi non devono obbligatoriamente andare subito a mangiare e possono divertirsi con diversi giochi, che la scuola mette a disposizione loro e i giorni in cui non hanno i rientri possono invece divertirsi con vari laboratori, come ad esempio Bloogle, il laboratorio per cui ho scritto questo articolo.