La fede non può essere insegnata o almeno non si riduce a qualcosa soltanto da insegnare. La fede è incontrare, è consegnarsi a uno che si è incontrato e non solo imparato! «La fede si trasmette nella forma del contatto, da persona a persona, come una fiamma si accende da un’altra fiamma» (Lumen Fidei, 37).

Educare alla fede in un’epoca di grande cambiamento culturale come la nostra non è certo uno scherzo. Non solo viviamo nel rifiuto del principio dell’autorità, di ogni proposta che sappia di lunedi-pedagogico-dalla-fede-imparataassoluto o predefinito o che «venga dall’alto», ma siamo in una cultura dove spesso è assente l’autorità. A cominciare dalla famiglia dove la figura del padre soffre una crisi di identità notevole con tutte le conseguenze collaterali. Si parla di «emergenza educativa» (Educare alla vita buona del Vangelo,  orientamenti pastorali dell’Episcopato italiano per il decennio 2010-2020). A cominciare dalla famiglia che fa fatica a trasmettere i rudimenti delle regole civili e condivise da rispettare, figurarsi se può o riesce o vuole educare alla fede! Si parla di «prima generazione incredula» (Armando Matteo, Rubettino). A cominciare dalla famiglia dove la rivoluzione sessuale e la figura della «donna che lavora» hanno scombussolato il ruolo materno con il rischio che il figlio non si goda la madre e la madre non si goda il figlio e quelle madri che generavano i figli anche alla fede sono completamente assenti in questo ruolo. Si parla di «fuga delle quarantenni» (Armando Matteo, Rubettino). Queste considerazioni esigono una conoscenza approfondita del radicale cambiamento culturale che si presenta all’educatore e all’educatore alla fede

  1. Educare o generare alla fede?

Si può parlare di educazione alla fede come si parla educazione all’ordine, al rispetto, alla vita sociale, al saluto e a tutto quello che ci viene in testa? La fede non è un dono di Dio?  Se sì, …

Per continuare a leggere scarica l’articolo: il lunedi ped 21 dic 2015 Dalla fede imparata alla fede generata

Per saperne di pù: ELLEDICI settore Scuola