Articoli

Fine scuola: lettera di una prof.

del 22 giugno 2017

Abbiamo trovato sul web una lettera scritta da un’insegnante trentina ai suoi ragazzi di terza media: un piccolo dono, ma denso di affetto e di speranza…

La fine della scuola è un momento tanto atteso, quanto carico di un velo di malinconia. Continua a leggere

Oltre 300 persone alla cena per Amatrice

Sono stati raccolti oltre 3000 euro, già destinati a progetti di solidarietà

Una partecipazione straordinaria. Più di trecento persone hanno risposto, venerdì scorso, all’appello degli studenti del Don Bosco per raccogliere fondi in favore delle genti di Amatrice, e degli altri comuni colpiti dal terremoto, attraverso una cena benefica dove il piatto forte era, naturalmente, la pasta Continua a leggere

Ottobre: scuola innovativa

Carissimi Genitori del Collegio Don Bosco,

forse i vostri figli, dopo queste prime settimane di scuola, hanno cominciato a raccontarvi di qualche novità che stanno percependo all’interno dell’Istituto.

Ci siamo in primis occupati di sostituire parte del corpo docenti, selezionando persone altrettanto preparate e motivate, abbiamo allestivo nuovi laboratori didattici ed al LES introdotto lo Spagnolo nei primi tre anni. Abbiamo potenziato l’offerta formativa pomeridiana, introdotto elementi di contemporaneità e rafforzato il comparto scientifico e linguistico al Classico. Al pomeriggio abbiamo optato per la formula del campus offrendo più modalità di studio, sempre alla presenza di docenti e fino alle 18, tutti i giorni. Nella Scuola media si sta ricorrendo ad aule specifiche per Continua a leggere

Paritarie mai così umiliate

Di Elisabetta Longo

L’anno scolastico in corso si sta rivelando tra i più difficili per le paritarie…

«Umiliata». È così che dice di sentirsi Virginia Kaladich, presidente di Fidae, la “Federazione istituti di attività educative” che riunisce quattromila scuole cattoliche italiane. La scuola ha preso il via da pochissimi giorni ma non tutto è cominciato nel migliore dei modi, per le paritarie. Il motivo di maggior preoccupazione per la professoressa Kaladich riguarda il personale docente. Sono tantissimi infatti gli insegnanti delle paritarie che stanno ancora aspettando l’esito dell’ultimo concorso pubblico per docenti. Se il giudizio finale della loro prova sarà positivo, abbandoneranno gli alunni delle scuole paritarie in cui sono attualmente impiegati. Continua a leggere

Chiuse 625 scuole cattoliche per le tasse

Di Stefano Zurlo

L’allarme della Fism: “Sparite 400 scuole materne, costi insostenibili”

Un’emorragia inarrestabile. Chiusure su chiusure. Dal Trentino alla Sicilia. Un piccolo mondo antico al servizio dei ragazzi sta andando in pezzi.

Scompaiono le materne, e poi, a ruota, tutte le altre: elementari, medie e superiori. La vicenda degli arretrati Ici, chiesti dal Comune di Ferrara a una decina di istituti cattolici, è solo l’ultimo attacco di un assedio senza fine. Virginia Kaladich, presidente della Fidae, Federazione istituti attività educative, dà un dato riassuntivo. Drammatico: «Le paritarie, quindi le scuole non statali, erano nel complesso 13.625 all’inizio dell’anno scolastico 2013-2014. Oggi siamo a quota 13mila. Vuol dire che abbiamo perso oltre seicento realtà in due anni circa. Un disastro». Continua a leggere

Maggio: e la Madonna

Cari genitori,

dire maggio è dire ultimo mese di scuola, è pensare all’estate con una serie di attese a lungo sospirate. Invito tutti a sostenere i ragazzi in vista della conclusione, perché non perdano troppo il ritmo e brucino un risultato bello o non ricuperino a sufficienza le insufficienze.

MAGGIO È LA FESTA DELLA MADONNA. Noi festeggiamo il 24 la Madonna Ausiliatrice.

E poi un altro appuntamento sarà la FESTA DELLA FAMIGLIA domenica 29. Continua a leggere

Lezione aperta a ragazzi, genitori e docenti

venerdì 5 febbraio ore 10.45

Saranno presenti:

Gianluca Zanetta chef “La Capuccina Agriturismo”

L’aspetto che distingue l’agriturismo da un ristorante, è la tipologia di offerta che viene fatta: la maggior parte dei piatti che si gustano provengono direttamente dall’azienda agricola.
Inoltre, i vini che bevete o gli altri alimenti che non sono prodotti direttamente in azienda sono sempre reperiti localmente e in ogni caso sono prodotti tipici della Regione Piemonte Continua a leggere

Wikipedia, 15 anni di enciclopedia online

Da LA STAMPA Tecnologia

Qualcuno si ostina a definirla “new media”, ma ha 15 anni compiuti e l’approccio al sapere è cambiato (anche l’Enciclopedia britannica abbandonerà il cartaceo); è contestata per scarsa attendibilità degli argomenti, ma non è statisticamente vero e una estesa community di uomini e donne oggi affiancati da un programma di intelligenza artificiale verificano fonti e falsità; è criticata per la superficialità con cui vengono trattati i contenuti, ma non è lo spazio in cui approfondire; è il sito dal quale un’infinità di studenti copiano allegramente le loro ricerche, ma smascherarli è facile ed è un sito sicuro, privo di pubblicità dove indirizzare e guidare i ragazzi ad un primo approccio all’organizzazione del sapere (Ndr) Continua a leggere

Don Bosco Borgomanero, Spritz, Don Giuliano

Messaggio dei Vescovi di Piemonte e Valle d’Aosta per l’inizio dell’anno scolastico

Alle alunne e alunni della scuola, ai docenti, dirigenti e famiglie,

in occasione dell’avvio dell’anno scolastico 2015-2016 vi salutiamo con amicizia e vi esprimiamo il nostro più vivo augurio insieme al nostro ricordo al Signore, perché benedica il vostro studio e lavoro e tutta la comunità della vostra scuola.

Tanti di voi, bambini e bambine, fanciulli e ragazzi ritornate ad incontrarvi dopo le vacanze estive ed è sempre bello e fonte di gioia raccontarsi le avventure e le novità incontrate che avete vissuto intensamente in questo periodo. Per altri si tratta forse di iniziare la scuola o di cambiarla, dopo aver terminato un ciclo, e questo vi dà modo di fare nuove amicizie con altri compagni e compagne, maestri e docenti.

Continua a leggere

Don Bosco Borgomanero, News, Una scuola magica

Che magia di scuola!

di Marco Pappalardo

Alcuni studenti immaginano il rientro pensando ad una scuola speciale, quella di Hogwarts…

«Una locomotiva a vapore scarlatta era ferma lungo un binario gremito di gente. Un cartello alla testa del treno diceva “Espresso per Hogwarts, ore 11”. Harry si guardò indietro e, là dove prima c’era il tornello, vide un arco in ferro battuto, con su scritto “Binario Nove e Tre Quarti”. Ce l’aveva fatta».

Tra le foto che girano sui social network in vista dell’inizio della scuola, sono molto interessanti quelle degli studenti che immaginano il rientro pensando ad una scuola speciale, quella di Hogwarts, frequentata da Harry Potter e dagli aspiranti maghi: la stazione dei treni, i ragazzi accompagnati dai genitori, il passaggio magico attraverso il muro e poi il viaggio negli scompartimenti pieni di studenti, bagagli e dei loro compagni animali.

Continua a leggere