Articoli

Google Maps va nello spazio: da oggi pianeti e lune senza segreti

Fonte DDAY, di Andrea Zuffi – 17 ottobre 2017

I pianeti e lune principali del nostro Sistema Solare da oggi sono un po’ più vicine e si possono esplorare con grande facilità grazie a un’incredibile aggiornamento di Google Maps

Perché limitarsi alle mappe di Terra, Luna e Marte quando nell’ultimo decennio le sonde della Nasa e dell’Agenzia Spaziale Europea dedicate all’esplorazione dello spazio ci hanno regalato milioni di immagini ad alta risoluzione di pianeti e di molte delle lune presenti nel nostro Sistema Solare? Continua a leggere

W la bicicletta!

L’aria che noi respiriamo sta diventando sempre più inquinata e quindi dobbiamo cercare dei rimedi per inquinare di meno. Un rimedio molto efficiente è la bicicletta.

La bicicletta è uno dei mezzi prediletti da chi mette in pratica, nella vita di tutti i giorni, la filosofia del non sprecare: permette di spendere poco, di non inquinare riducendo le emissioni di CO2, causa di malattie potenzialmente pericolose,  e di tenersi in forma, tutto in un unico gesto. Se utilizzata nei fine settimana, può essere motivo di divertimento per tutta la faglia, sia per gli adulti che per i bambini.
Continua a leggere

Automobili: utilizziamole meglio

Uno dei modi per inquinare di meno e preservare la qualità dell’aria potrebbe essere quello di utilizzare in maniera intelligente l’automobile.

Ci sono vari modi per rispettare l’ambiente e fare qualcosa di concreto per salvaguardarlo. Uno di questi potrebbe essere quello di utilizzare le automobili diversamente, per esempio: cercare di andare in macchina con più persone, oppure, per compiere brevi tragitti, sostituire l’automobile con la bicicletta o, se possibile, utilizzare automobili elettriche che non hanno emissioni inquinanti. Continua a leggere

I rischi per la salute determinati dall’inquinamento dell’aria

L’inquinamento atmosferico rappresenta un rischio per la salute umana, anche se, per molte delle sostanze nocive di cui è composto, non sono del tutto noti gli effetti sulla salute e la concentrazione a cui tali effetti si manifestano.

Tali effetti possono manifestarsi con episodi di tipo acuto, dovuto ad elevate concentrazioni di inquinanti presenti per brevi periodi, o con patologie di tipo cronico causate dall’esposizione a basse concentrazioni di inquinanti per lunghi periodi di tempo. Anche l’impatto sull’ambiente degli inquinanti dell’aria è variabile: alcuni composti agiscono prevalentemente su scala locale, cioè là dove sono prodotti e diffusi; altri, invece, coinvolgono intere regioni. Questo ultimo tipo di inquinanti è in grado di influenzare le condizioni dell’ambiente su scala continentale e perfino planetaria, con un impatto negativo sulla salute delle popolazioni anche in luoghi molto distanti dalla sorgente di inquinamento. Continua a leggere

L’inquinamento: cos’è e da cosa è causato?

Che cos’è l’inquinamento? Da cosa è causato? Cerchiamo di rispondere, in questo breve articolo, a due domande cercando di scoprire cosa sia e da cosa sia provocato uno dei fenomeni più importanti a livello globale: l’inquinamento. In particolar modo parleremo dell’inquinamento atmosferico.

L’inquinamento è un’alterazione dell’ambiente che può essere naturale o antropica:

  • inquinamento antropico: è l’insieme degli interventi dell’uomo sull’ambiente naturale, con lo scopo di trasformarlo, adattarlo, o anche alterarlo.
  • inquinamento naturale, è l’inquinamento non originato dall’uomo. Un esempio sono le polveri e i vari gas emessi dai vulcani, dagli incendi delle foreste e dalla decomposizione dei composti organici che entrano nell’atmosfera.

Continua a leggere

Inquinamento nella zona di Novara e dell’Agogna

Si potrebbe pensare che l’inquinamento atmosferico è presente solamente nelle grandi città, ma non è così: anche nei centri più piccoli si possono trovare fonti produttrici di inquinamento, anche per esempio a Borgomanero dove esso viene prodotto principalmente dalle fabbriche e dai rifiuti urbani.

Una testimonianza di ciò è, per esempio, il sequestro di un magazzino di oltre settemila metri quadrati vicino alla stazione ferroviaria di Borgomanero, perché sia all’interno sia all’esterno dell’immobile sono stati ritrovati pneumatici, batterie, cavi elettrici. Continua a leggere

Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sull’ambiente

Si ritiene inquinata l’aria la cui composizione ecceda limiti stabiliti per legge allo scopo di evitare effetti nocivi sull’uomo, sugli animali, sulla vegetazione, sui materiali o sugli ecosistemi in generale.

La presenza nell’aria di sostanze inquinanti provoca diversi effetti, uno di questi sono le piogge acide. L’uso dei combustibili fossili in grosse quantità provoca l’immissione nell’atmosfera, oltre che di anidride carbonica, anche di anidride solforosa e di ossidi di azoto, questi si combinano con il vapore acqueo delle nubi generando le piogge acide. Attraverso l’acqua tali sostanze ricadono sui terreni e sulle coltivazioni, provocando importanti danni. Continua a leggere

Alla scoperta dell’autunno nel bosco…

L’osservazione dell’ecosistema-bosco in scienze, la lettura di poesie e brani sull’autunno durante le ore di italiano hanno prodotto un’interessante uscita alla scoperta di colori, profumi e rumori del bosco autunnale.

Il 19 novembre 2015 io e i miei compagni di 1A e i professori Campagnoli e Copetti siamo andati nel bosco per conoscere più da vicino la sua fauna e la sua flora in autunno. Continua a leggere

Albert Einstein, 100 anni fa la teoria della relatività

Le note biografiche cucite col filo della verità documentaria e del mito che gravita attorno a questa icona della scienza, raccontano di un adolescente con un cattivo rapporto con la scuola: una grande consolazione per tante generazioni di studenti. Sarà vero? Walter Sullivan, sulle pagine del “The New York Times” chiarisce tutto fin dal 1984… vai e leggi :-p (ndr) Continua a leggere

Superluna, nostro satellite mai così vicino durante eclissi del 28 settembre

da F. Q. | 11 settembre 2015

L’astrofisico Marco Galliani: “Sarà al perigeo, ad ‘appena’ 357mila chilometri dal nostro pianeta, rispetto alla distanza media”

Sarà una “superluna” quella che apparirà in cielo durante l’eclissi attesa per l’alba di lunedì 28 settembre, quando il nostro satellite sarà vicinissimo a noi e ci apparirà per questo più grande del solito. E’ un “appuntamento da non perdere perché questa volta la Luna sarà al perigeo, cioè molto più vicina a noi, ad ‘appena’ 357mila chilometri dal nostro pianeta, rispetto alla distanza media, cioè quando si trova all’apogeo ed è lontana 384mila chilometri” spiega all’Adnkronos l’astrofisico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), Marco Galliani.

Continua a leggere