Articoli

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Anche “far faticare” è una delle mosse fondamentali dell’arte di educare.

Nessuno ci fraintenda! Non vogliamo vedere i ragazzi soffrire, non vogliamo tornare al pane nero.

Se parliamo di fatica, è esclusivamente perché non vogliamo ingannare i nostri figli: ci sta a cuore che crescano liberi e forti.

LA GRANDE TRUFFA

A mio figlio non deve mancare niente; non vogliamo che soffra quello che abbiamo sofferto noi, non vogliamo che faccia la nostra vita…“: è la litania che ha contagiato, si può dire, tutti i genitori ultima generazione!  Continua a leggere

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Nella serie delle mosse fondamentali dell’arte di educare non può mancare la mossa del saper dire ‘no’! Ne siamo così convinti che ogni figlio dovrebbe dire ai genitori: “Se mi volete bene, non ditemi sempre ‘sì’!”.

QUATTRO MOTIVI
I ‘no’ ci vogliono almeno per quattro motivi. Continua a leggere

Esercizi per educare la resilienza nei bambini

  • Linda Lantieri , Daniel Goleman
  • La Meridiana Edizioni
  • Allegati: CD Audio Pagine: 108
  • Formato: 21×25
  • Introduzione e CD con esercitazioni guidate da Daniel Goleman
  • Anno: 2016

Ci sono abilità di cui ogni bambino ha bisogno per tutta la vita. Li possiamo aiutare fornendo loro lezioni sistematiche che rafforzino quelle capacità che stanno per sbocciare. Continua a leggere

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Continuiamo a proporre le principali mosse dell’arte di educare.

Siamo partiti dal “seminare”, siamo passati all'”aspettare”, al “parlare”, all'”amare”… ed eccoci al “guardare”: guardare il figlio.

Una mossa che, in prima battuta, può sembrare di poco conto! In realtà gli occhi hanno un potere eccezionale!

L’ARTE DEL GUARDARE IL FIGLO 

Il contatto visivo è una delle più potenti vie di educazione (o diseducazione).  Continua a leggere

Stiamo proponendo le principali mosse dell’arte di educare. Siamo partiti dal “seminare”, siamo passati all'”aspettare”, al “parlare” al “risplendere”… ed eccoci all'”ascoltare”.

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Sì, ascoltare i figli perché l’ascolto è una delle più belle facce dell’amore. Perché forse non vi è via migliore per imparare a fare i genitori che quella di “sentire” i figli.

A SENTIRE I FIGLI NON SI SBAGLIA MAI

A sentire i figli non abbiamo che da guadagnarci. Continua a leggere

Educare figli responsabili

Thomas Gordon

La Meridiana Edizioni

La Meridiana Edizioni

Pagine: 174

Una ben sperimentata proposta di metodo affinché, attraverso le pratiche educative del rispetto, dell’ascolto e della collaborazione nella soluzione dei conflitti e dei problemi, anche quello della famiglia diventi un creativo spazio di democrazia. Continua a leggere

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Ecco un verbo poco gradito e poco frequente nel linguaggio contemporaneo. Eppure… Castigare fa parte dell’arte di educare. E come tutte le arti vanno imparate. Anche don Bosco nel suo “Sistema Preventivo” ha un reparto sui castighi. Una pagina che trasuda amore e grande attenzione al ragazzo da amare, ma di un amore che fa crescere.

 Intanto sia subito chiaro:

castigare non è il verbo più importante dell’arte di educare.  Continua a leggere

Pino Pellegrino (Bellettino Salesiano)

Dopo 1.Seminare 2.Tifare 3.Aspettare 4.Amare siamo alla quinta mossa fondamentale nell’arte dell’educazione: la mossa del parlare.

È vero che l’esempio è tuono, mentre la parola è suono, però senza il suono della parola, neppure l’esempio avrebbe la potenza del tuono, perché non sarebbe capito!

LA PAROLA È FONDAMENTALE PER TRE MOTIVI

PRIMO: perché è grazie ad essa che aiutiamo il bambino a costruirsi la prima immagine di sé. Continua a leggere

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Siamo nella cultura del “tutto-e-subito”, “usa-e-getta”… In campo educativo la fretta produce guai irreparabili. Occorre saper aspettare. Proprio come fa il contadino con la pianta. Lui fa la sua parte ma poi aspetta che il tempo, la natura… facciano il loro corso e con la calma e le giuste attenzioni prima o poi si raccoglieranno buoni frutti.

Siamo alla terza mossa dell’arte di educare: ‘seminare‘ è la mossa di partenza; ‘tifare‘ è la mossa che incoraggia a crescere; ‘aspettare‘ è la disposizione all’attesa dei frutti nel figlio per non scardinare tutto in partenza. Continua a leggere

Pino Pellegrino (Bollettino Salesiano)

Il bambino ha bisogno di sentire vicino persone che fanno tifo per lui. E’ una manifestazione di affetto e di fiducia che lo rende in grado di affrontare anche situazioni che gli incutono un certo imbarazzo se non addirittura paura.

Ma con il tifo dei genitori e degli insegnanti….

Sì, avete letto benissimo: la seconda mossa strategica dell’arte di educare è “tifare“. Continua a leggere