Cari genitori,

abbiamo iniziato un anno nuovo. Immagino pieno di sorprese belle. Un anno per crescere insieme, genitori e figli, famiglie e scuola perché avvenga quanto si legge in Luca sulla santa famiglia di Nazareth: «Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui». Costruiamo insieme un ambiente educativo dove la sapienza e la grazia di Dio siano di casa perché in questa loro età così preziosa, ma anche così fragile, possano fare le scelte giuste per costruire futuro, evitando di lasciarli allo sbaraglio senza sostegno e senza l’orientamento dato da chi vuole loro bene.

Vi ricordo alcuni appuntamenti:

  1. Per i Licei la prima settimana sarà dedicata ai recuperi a conclusione del 1° quadrimestre con i relativi scrutini.

GIOVEDI’ 15: distribuzione pagelle ai Licei dalle ore 17 alle ore 20.

  1. VENERDI’ 16: ultimo OPEN DAY, dalle 17.00 alle 19.30. Terza e ultima possibilità per quanti vogliono conoscere la scuola per una eventuale iscrizione alla prima Media o alla prima Liceo. Un invito cordiale e anche pressante a quanti di voi conoscessero famiglie interessate, per invitarle a visitare personalmente la nostra struttura e ascoltare la proposta formativa e porre tutte le domande che possono riguardare la scelta per il futuro dei figli.
  2. GIOVEDI’ 29: la scuola celebrerà la festa di don Bosco. Si interromperanno le lezioni del calendario e si farà scuola di vita confrontandosi con un uomo che è vero modello da imitare. In un’epoca rivoluzionaria, come fu quella di don Bosco, lui rispose alla crisi dell’epoca, con la sua santità, con una vita cioè vissuta in pienezza e spesa nell’opera educativa. Chiede a noi adulti di rispondere così alla crisi di valori che tutti percepiamo in questo nostro tempo: essere santi, vivere con coerenza e in pienezza una vita esemplare testimoniando valori credibili e vivibili da consegnare ai nostri ragazzi.
  3. DOMENICA 1° FEBBRAIO: celebrazione della FESTA DI DON BOSCO nella nostra chiesa. Sarebbe bello se vi lasciaste coinvolgere anche alle iniziative di sapore religioso della nostra scuola e non solo a quelle con valenza didattica o a festaiola, per camminare insieme, per crescere aperti a quel Dio che ha dato reso forte don Bosco per amare e dare la vita per i giovani, perché crescessero allegri e santi. Abbiamo bisogno della grazia di Dio. La festa di don Bosco è un’occasione per aprirci a questo Dio che fa cose grandi con persone piccole ma disponibili a fidarsi di lui.

 


E’ bello condividere «obiettivi grandi» come quelli che «faranno grandi i nostri ragazzi».

E’ bello sognare insieme il loro futuro. Don Bosco ci ha insegnato a sognare alla grande e in questo mese di gennaio non badiamo a spese, preghiamo  e guardiamo lontano per spronare «i nostri eroi» a sognare a loro volta, senza perdersi nei rigagnoli dell’ordinario.

Don Bosco ci protegga e ci sia di esempio. La preghiera ci suggerisca le motivazioni per non lasciarci scoraggiare. La Madonna che ha educato Gesù in modo ammirevole sia anche la madre che ci sta accanto per indicarci la via giusta e sostenerci.

Buon anno